Notizie archiviate in > Poesia

Tra noi e la libertà

Tra noi e la libertà un immenso muro
Tra noi ed il cielo un filo spinato.
Le torrette di guardia
moderni bastioni che ci opprimono;
Un lume di luce ne illumina l’interno;
Si può intravvedere ancora, attraverso le finestre scardinate, il giudice di libertà:
Un fucile al posto del martello
Una divisa al posto della toga.
La libertà è sempre respinta,
Il martello colpisce il legno,
Il suono prodotto è uno sparo:
Bang
Richiesta di libertà… respinta!

Matteo Mogentale 5BBio

Condividi su >
Facebook Twitter Pinterest Tumblr

Mauthausen: la Luce dell’Anima non muore mai

Erano uomini, donne, bambini,

ognuno con il proprio immenso valore e dignità.

La vita gli palpitava dentro e,

come tesoro nascosto,

celava sogni desideri attese.

L’anima racchiudeva la luce e la bellezza di Dio che si fa dono,

in un una piccola e flebile speranza

per non morire e lasciarsi morire.

Grandi occhi cercavano conforto e coraggio,

abbracci e mani si intrecciavano in un unico dolore,

così grande, così immenso.

In quell’abbandono e in quel silenzio,

la vita perdeva il suo senso.

 

Solo l’anima non poteva morire.

 

Sguardi e volti ormai consumati

ricoprivano la terra,

ma nel manto di quel cielo azzurro,

mille e mille anime, ancora oggi,

vivono e danzano nelle ali del vento.

 

Nicola Zorzo e Sofia Zorzo

A.S. 2013-2014

Classe 5°B biologico

Condividi su >
Facebook Twitter Pinterest Tumblr

La fine più umana (a Terezìn)

Foto di Linda Parisotto

Passo nel lungo corridoio della Morte,

e tra le claustrofobiche mura sento la musica,
le note che accompagnavano l’ennesima vittima
dell’antico simbolo uncinato.

Poi, dopo lungo vagare nella semioscurità,
finalmente la luce.
Ma la marcia non finisce…
Ancora pochi passi … ecco Il doloroso legno
ultimo compagno di molti giusti.
Sento il crepitio della corda tesa allo stremo,
i rantoli secchi della preda,
poi il nulla.

Emma Pellegrini   Classe V B Biologico

Condividi su >
Facebook Twitter Pinterest Tumblr

Pensieri di un deportato

Perché un giorno voglio dare luce a ciò che ho in me,

quell’immensità grigia che continua a bussare per chiedere libertà,
cambiamento,
rinascita.
Chissà se qualcuno riuscirà a salvarsi
da questo oblio senza fine…

in cuor mio so che la sola salvezza, la sola speranza di una vita migliore
è quel cunicolo buio,
unica via verso la pace.

Alessandro Confente Classe V B Biologico

Condividi su >
Facebook Twitter Pinterest Tumblr

Giochi

Buona notizia! Domani si gioca!
Giochi per bambini che dentro non lo sono più
giochi per gusci di bambini
giochi di facciata.
Bisogna sorridere e mostrarsi contenti
ma il freddo nell’anima
non fa sbocciare sorrisi.
Solo i fiori sbocciano,
tanti fiori per l’occasione
tanti clown appesi a steli sottili.
Oggi si gioca
oggi è il mio ultimo giorno
domani sarò soltanto un ricordo

I fiori non smetteranno di sbocciare,
lontano dal male, lontano da qui.

Giulia Cantarella Classe V B Biologico

Condividi su >
Facebook Twitter Pinterest Tumblr


Copyright © 2011 - Oltrelombra
Eccetto dove diversamente specificato i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo