Novembre

Foto di Linda Parisotto

E’ freddo; senti il vento tra le ossa;
la terra ghiacciata e sopita scrocchia sotto i piedi,
quei piedi, usciti dall’oscurità, camminano,
fucili puntati alla schiena.
Un portico, uno spiazzo, la bocca di un tunnel
stretto, angusto.
Allucinazioni, visioni, un’ombra sulle pareti:
è la morte che ti accompagna, ti aspetta.
Uno spiraglio di luce, l’ultimo che vedrai;
il tunnel è finito.
Ti guardano, ti spingono, sei a terra
in una croce di pietra inzuppata di cremisi.
Alzi gli occhi, vedi un cappio poco distante.
Le vedi, le canne di metallo sulla tua fronte;
guardi negli occhi chi ti sovrasta;
ti chiedi perchè hanno scelto te, perchè non il tuo vicino.
Ma è tardi ormai.
Guardi intorno un’ultima volta, vedi il cielo,
scorgi dei rami spogli, immagini il legno fiorito,
immagini rosse mele che pendono.
Immagini.
E poi, più niente.

Giorgia Rizzotto   Classe V E Biologico

Condividi su >
Facebook Twitter Pinterest Tumblr