Pensieri di un deportato

Perché un giorno voglio dare luce a ciò che ho in me,

quell’immensità grigia che continua a bussare per chiedere libertà,
cambiamento,
rinascita.
Chissà se qualcuno riuscirà a salvarsi
da questo oblio senza fine…

in cuor mio so che la sola salvezza, la sola speranza di una vita migliore
è quel cunicolo buio,
unica via verso la pace.

Alessandro Confente Classe V B Biologico

Condividi su >
Facebook Twitter Pinterest Tumblr